Content on this page requires a newer version of Adobe Flash Player.

Get Adobe Flash player

Calendario Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
prova

Commissione Ordine Ingegneri del 6/2/2020

Eventi: In data 6 Febbraio 2020, presso la sede dell'Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma, si √® svolta la riunione della Commissione Tematica Sicurezza Antincendio

 


 Nella riunione sono stte riproposte alcune novit√† relative all'uso di nuove tecnologie di spegnimento con l'utilizzo dell'acqua.

L'evoluzione del campo di impiego dell'acqua come estinguente si è sviluppata con la sua riduzione dimensionale in emissione.

Con gli impianti automatici Sprinkler e gli Estintori ad acqua la stessa veniva erogata a pioggia; la sua suddivisione in gocce  (da 0,5 a 5 mm) aumenta esponenzialmente la superficie esposta, la capacit√† di assorbimento del calore e, di conseguenza, l'efficacia dell'intervento.

Fratelli degli impiati Sprinkler sono: gli Impianti automatici a diluvio e le Cortine d'acqua.

Lo stadio seguente è stato quello di Nebulizzare l'acqua (diametro delle goccioline al di sotto del millimetro).

Questo è stato reso possibile utilizzando ugelli di fine lavorazione e l'immissione in essi di acqua a pressione elevata (100/120 bar) ottenuta scaricando, nelle bombole che la contengono, azoto compresso (200 bar).

Stato successivo: Micronizzare l'acqua ridurla  in Micro gocce di diametro dell'ordine di 14 micron grazie ad ugelli particolari e l'impiego di pompe idrauliche capaci di spigere l'acqua a pressioni molto alte, oltre 150 bar, per avere quello che viene anche definita una Atomizzazione dell'acqua.

Queste tecnologie hanno consetito di affrontare il problema dello spegnimento dell'incendio sfruttando il potere di assorbimento del calore dell'acqua con il progressivo aumento della sua superficie esposta  con i VANTAGGI di: Diminuire i quantitativi di acqua da impiegare e da tenere di scorta - Aggiungere al potere di raffreddameto quello dell'isolamento dato dal vapore acqueo che si sviluppa per l'evaporazione - Consentire la vivibilit√† ambientale - Ridurre l'impatto del liquido sulle strutture e sugli oggetti (con l'acqua micronizzat si opera anche in quasi tutte le condizioni iniialmente tab√Ļ per l'acqua sino in presenza di documeti cartacei, quadri, ecc.) di contra con gli svantaggi dei costi di impianto e della sua manutenzione.

 L'impiego dell'acqua non pi√Ļ "a getto" ma "a goccioline" sparate in modo mirato sul focolaio si √® esteso anche ad apparecchi portatili : Nebulizzatori a turbina . Canoni portatili (bazooka) ad acqua - Estintori portatili ad acqua con sempre ugelli che permettono il lancio di acqua nebulizzata tanto da poter essere impiegat anche su apparecchiature elettriche sino a 1500 Volt.

Queste soluzioni sono frutto di studi, ricerche e prove attuate da Produttori internazionali e, al contempo, sono in attenzione degli Organi Tecnici del Centro Studi ed Esperienze del Dipartimeto dei Vigili del Fuoco come da documentazione che potrete scaricare  seguendo il seguente Link